Novità e notizie

Consiglio Nazionale 23 e 24 novembre - diretta on line

COMUNICATO N. 155

Care amiche e cari amici,

giovedì 23 alle ore 15.30 e venerdì 24 novembre alle ore 8.30 si terrà la riunione del Consiglio Nazionale.

Per chi fosse interessato, sarà possibile seguire on line sulla nostra SlashRadio la diretta dei lavori del Consiglio  Nazionale collegandosi all’indirizzo

http://www.uiciechi.it/radio/radio.asp

Colgo l’occasione per augurare buon ascolto a chi vorrà ascoltarci e buon fine settimana a tutte e a tutti.

Vive cordialità.

Mario Barbuto

Presidente Nazionale

Questo comunicato è presente in forma digitale sul Sito Internet:
http://www.uiciechi.it/documentazione/circolari/main_circ.asp

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.

inaugurazione percorso tattile sito UNESCO

Modena, 20 novembre 2017

Ai Soci e Amici
Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti
Sezione Territoriale di Modena

Carissimi,
tra le tante attività a favore dei disabili visivi, la nostra Sezione si è impegnata anche in un progetto dal titolo "A portata di Mano", che aveva l'obbiettivo di costruire uno spazio in cui si potessero toccare il Duomo, la Ghirlandina, la piazza e alcuni dettagli scultorei della Cattedrale.
Al progetto collaborano il Comune di Modena che gestisce il sito UNESCO (Piazza Grande, Duomo e Ghirlandina), l'Università di Modena e Reggio Emilia, e altri soggetti che si occupano di stampa 3D. In questi mesi abbiamo dato i nostri consigli su come realizzare le riproduzioni 3D, affinché fossero adatte ad essere esplorate dai disabili visivi, e crediamo - nel limite del possibile - di avere contribuito ad una buona causa al nostro meglio.
Ora che le riproduzioni sono pronte e il Comune di Modena sta allestendo lo spazio in Piazza Grande, si sta preparando la grande inaugurazione prevista per sabato 2 Dicembre 2017 alle 10,30.
È un'occasione importante per tutti noi che amiamo la nostra città e finalmente possiamo toccare quel che ci sarebbe difficile o impossibile abbracciare con lo sguardo. Potremo già quel giorno visitare lo spazio e toccare le riproduzioni.
Sarà bello testimoniare insieme davanti al Sindaco e alla cittadinanza che ci siamo e che siamo contenti di poter scoprire la bellezza della nostra città con le dita. Sarà un'altra occasione per ricordare a tutti che se abbiamo gli strumenti giusti, possiamo fare tutto - o quasi - quello che fanno gli altri e che per questo conviene a tutti impegnarsi per rendere accessibile la città, i suoi luoghi e i suoi servizi.
Vi terremo aggiornati sui dettagli dell'evento, ma intanto speriamo che possiate tenervi liberi ed esserci. Per agevolare si organizzerà, previa prenotazione alla nostra segreteria una navetta stazione dei treni - Piazza grande.
Tenetevi aggiornati sulla nostra pagina Facebook, sul nostro sito e su WhatsApp.
Buone giornate, il Consiglio UICI Modena.
Il Presidente Territoriale
Ivan Galiotto

Immagine allegata: 
nell'immagine il Duomo di Modena

Pratichiamo sport per battere la disabilità!

A Roma il 22 e 23 novembre un evento dedicato allo sport per ripensare, insieme ai rappresentanti del mondo sportivo, scientifico, scolastico e alle istituzioni, alla creazione di un ambiente accessibile e fruibile a tutti
Roma, 7 novembre 2017- Sport e disabilità è un binomio possibile? A questa domanda l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, insieme a FISPIC e UISP, cercherà di dare una risposta forte nei due giorni del meeting nazionale dal titolo “Pratichiamo sport per battere la disabilità!”, organizzato a Roma il 22 e il 23 novembre. L’evento sarà l’occasione per dare vita a dimostrazioni sportive di varie discipline con testimonianze di atleti agonisti e non, ma anche per favorire l’incontro tra la cittadinanza e le autorità politiche e amministrative. L’obiettivo di U.I.C.I. è lanciare il chiaro messaggio che la disabilità non deve essere considerata uno status o una malattia ma una circostanza influenzata da un’errata cultura e dai pregiudizi ed è perciò necessario oggi cambiare il modo di intenderla, attraverso la costruzione di relazioni e schemi sociali che rendano accessibile a tutti il binomio sport e disabilità.
Il meeting si aprirà il 22 novembre con un Convegno a cui prenderanno parte istituzioni, rappresentanti del mondo sportivo, scientifico e scolastico (come da programma di seguito) per sensibilizzare i cittadini e le amministrazioni alla creazione di un ambiente sportivo ad accessibilità e fruibilità totale per tutti. Sempre nella stessa mattinata saranno organizzati quattro tavoli di lavoro in cui i singoli coordinatori, esperti di vari settori e rappresentanti di associazioni ed enti, favoriranno il dibattito su specifiche tematiche riguardanti lo sport e ascolteranno i partecipanti, al fine di elaborare una sintesi delle istanze emerse che sarà presentata al pubblico il giorno successivo, a conclusione del meeting.
“L’idea alla base dell’organizzazione di questo evento, spiega Mario Barbuto, Presidente dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, è rilanciare il tema dello sport quale mezzo di inclusione e integrazione per chi è affetto da disabilità visiva, e per questo aperto a tutti. Vorremmo letteralmente cambiare le regole del gioco, trasmettendo una nuova, sana cultura della disabilità. In questi due giorni, oltre alle attività sportive con campioni olimpici e paralimpici, atleti agonisti e semplici praticanti, attraverso i workshop tematici lasceremo anche spazio all’informazione e al confronto, ascoltando dalle persone le proprie esperienze e necessità che ci serviranno per stimolare lo sviluppo di progetti dedicati allo sport sul territorio”. “Con le tavole rotonde, prosegue Barbuto, vogliamo ‘cogliere dal basso’ i bisogni dei cittadini e strutturare le loro richieste attraverso iniziative concrete, con i nostri referenti territoriali. L’appello che lancio alle persone che parteciperanno al
nostro meeting è di ripensare il paradigma sport-disabilità per lo sviluppo di una cultura inclusiva e basata sulla relazione; è necessario che ciascuno si metta in gioco e scardini il modo di intendere la disabilità, affinché tutto diventi accessibile a tutti e lo sport sia davvero il terreno su cui giocare la partita dell’eguaglianza”.
Il programma Pratichiamo sport per battere la disabilità!
22 – 23 novembre 2017 Struttura Sportiva del Divino Amore, Roma Via Ardeatina km.12

22 novembre
9.30
– Introduzione di Stefano Tortini, Vice Presidente Nazionale dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti e Coordinatore del Convegno, presentazione del programma del meeting
Saluto delle Autorità
Moderatore Claudio Arrigoni, Giornalista Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport On. Luca Lotti, Ministro dello Sport (Altri ospiti istituzionali in attesa di conferma) Stefano Tortini, Vice Presidente Nazionale dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico Sandro Di Girolamo, Presidente FISPIC Vincenzo Manco, Presidente UISP Hubert Perfler, Coordinatore Nazionale UICI Commissione Sport, Tempo libero e Turismo sociale
10.45
– Apertura Tavole rotonde
-
Sport e Tiflologia, coordina Mauro Rozzi, componente Direzione Nazionale UISP e Giovanna Virga, psicologa
‐Sport e Territorio, coordina Ciro Taranto, Componente Commissione Nazionale Sport – Mariella Procaccini, Tecnico Nazionale Italiana Torball – Pietro Montesano, Professore presso l’Università Parthenope di attività psicomotorie
‐Sport e Benessere, coordina Giulia Di Piazza, Bioeticista -Paolo Minafra, Specialista in Radiologia - Medicina dello Sport
‐Sport insieme…
in quale modo, coordina Carlo Bruno, LNI - Lega Navale Italiana - Don Giovanni D’Andrea, Presidente Salesiani per il Sociale - Sandro Cuomo, Campione Olimpico di Scherma
13.00
– Pranzo
15.00
– Dimostrazioni sportive delle seguenti discipline:
Torball, Calcio, Showdown, Scherma, Scacchi, Tennis, Judo, Tiro con l’arco
19.
30 – Cena

23 novembre
9.30
– Breve introduzione di Stefano Tortini
Report dei coordinatori delle singole tavole rotonde
10.45
– Pausa
11.00
– Testimonianze di quattro atleti agonisti e non agonisti
12.30
– Chiusura dei lavori
Intervento conclusivo di Mario Barbuto, Presidente Nazionale Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti
# # #
L'Unione Italiana Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS è un ente morale con personalità giuridica di diritto privato, cui la legge e lo statuto affidano la rappresentanza e la tutela degli interessi morali e materiali dei non vedenti nei confronti delle pubbliche amministrazioni. L'Unione Italiana Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS ha per scopo l'integrazione dei non vedenti nella società, perseguendo l'unità della categoria. Per il raggiungimento dei suoi fini l'Unione ha anche creato strumenti operativi per sopperire alla mancanza di adeguati servizi sociali dello Stato e degli altri enti pubblici. In particolare vanno ricordati il Centro Nazionale del Libro Parlato, il Centro Ricerca Scientifica, l'I.Ri.Fo.R. (Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione), l’Agenzia per la Tutela dei Diritti e l’Istituto Nazionale ValutazioneAusili e Tecnologie per l’autonomia dei ciechi e degli ipovedenti. L'Unione ha anche istituito la Sezione Italiana della Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità. L’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti fa parte, quale membro fondatore, della Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità (FAND).
Per un approfondimento consultate le specifiche sezioni all'interno del nostro sito – www.uiciechi.it
Riferimenti per i Media
Imageware | +39 02700251 Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Stefania Trazzi - strazzi@imageware.it Katia Caravello – katia.caravello@uiciechi.it Alessandra Pigoni – apigoni@imageware.it Componente Direzione Nazionale UICI
Relazioni Esterne

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.
Documento allegato: 

Natale 2017: dona dolcezza e sostieni la prevenzione

Ai Soci e Amici
UICI Modena.
Ritornano anche quest'anno, le cioccolate solidali di UICI Modena e il ricavato servirà a finanziare l'apertura dell'ambulatorio oculistico nella nostra sede di via Don Milani 54.
Un pezzetto di cioccolato fa miracoli... e l'anno scorso ne abbiamo avuto le prove, potendo avviare e sostenere - col ricavato della promozione natalizia - tanti progetti che puntano al benessere e all'inclusione sociale delle persone con disabilità visiva.
Per questo Natale 2017 i soci e i volontari di UICI Modena hanno preparato tanti graziosi pacchetti regalo composti da 4 tavolette di cioccolata artigianale di cui una fondente, una al latte, una bianca e una con nocciole. 400 grammi di cioccolato di prima qualità a soli 10 euro.
La qualità del cioccolato è garantita dal laboratorio artigianale LUISTOR di Suzzara.
Contribuisci e invita a contribuire prendendo le cioccolate UICI per sostenere l'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Modena e parteciperai all'allestimento di un ambulatorio oculistico interno alla sede provinciale UICI. C'è bisogno di diagnosi tempestive e terapie mirate, di portare avanti la ricerca e soprattutto c'è bisogno di intrecciare l'impegno sulla prevenzione e la cura sanitaria con tutto quello che già facciamo per il benessere e l'inclusione sociale dei ciechi.
Le cioccolate UICI si possono prenotare in Sede, in via Don Milani 54 a Modena, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12 e dalle 14 alle 17, previo contatto telefonico al 059 300012 o via mail a uicmo@uiciechi.it.
Per quantitativi superiori ai 10 pezzi - previa disponibilità di volontari - UICI Modena si impegna a consegnare a domicilio.

Il Consiglio Sezionale augura un Sereno Natale a tutti!

Il Presidente Territoriale
Dott. Ivan Galiotto.

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.

Quando gli scacchi diventano scuola di vita.

VIGNOLA -«NON sono un gioco, gli scacchi, ma una scuola di vita: formano il carattere, la personalità .
E questo non è solo un torneo, ma l'apice di una storia d'amore iniziata tanti anni fa tra un bambino vignolese e la scacchiera, mentre gli altri preferivano giocare a pallone».
Carlo Alberto Cavazzoni, il bambino diventato oggi maestro di scacchi per circa 25mila giovani allievi, ieri ha presentato con questa dichiarazione d'amore la prima edizione del torneo internazionale "Vignola Città degli Scacchi", che nel week-end porterà in città una competizione di altissimo livello ed oltre 200 scacchisti provenienti da tutta Italia e dall'estero, alcuni tra i più forti al mondo.Cavazzoni e il Club 64 di fatto hanno organizzato l'evento, ma alla sua riuscita hanno collaborato tantissimi attori locali: il Comune, la Fondazione di Vignola (che ha concesso le sale della Rocca per il torneo), la Parrocchia (che ha fatto lo stesso con Palazzo Barozzi), la provincia, l'Università Natalia Ginzburg, il Centro documentazione Mezaluna, il Lions Club, il Centro studi, il Gruppo filatelico, Vignolanimazione, Vignola Grandi Idee e diversi commercianti, che con le loro vetrine hanno sposato il tema degli scacchi.
«Abbiamo creduto subito in questo evento - ha spiegato il sindaco Pelloni - e una volta concluso inizieremo subito a lavorare per la prossima edizione: vogliamo che diventi un appuntamento fisso di novembre».
I match - che vedranno 58 partecipanti al torneo A, altri 80 nel B e un centinaio nel C, dove saranno in gara anche tanti bambini e numerosi vignolesi - inizieranno venerdì alle 20 (dopo un rinfresco inaugurale) e proseguiranno sabato (alle 9.30 e alle 15.30) e domenica (9 e 14.30)
con Torta Barozzi offerta a tutti i giocatori dalla famiglia Gollini.
Non mancheranno le iniziative collaterali: la lezione del maestro filippino Vuelban (domani alle 21 all' oratorio), il caffè coi campioni scacchisti (venerdì alle 14.30 al Caffè Terzi) e la partita con personaggi viventi (sabato alle 15.30 in Piazza dei Contrari), a ricordare l'antica passione per gli scacchi del marchese Boncompagni.
Che a Vignola, dal 1993, è stata tramandata nelle scuole e nei laboratori della Fondazione dallo stesso Cavazzoni.v.

Immagine allegata: 
Nella foto una scacchiera.

Borsa di studio internazionale per studenti e ricercatori con disabilità

COMUNICATO N. 146

In collaborazione con il Forum Europeo della Disabilità (European Disability Forum), la società di software americana Oracle finanzierà anche per l'anno accademico 2017-2018 una borsa di studio destinata a studenti con disabilità con alto profitto, iscritti a una facoltà universitaria o con dottorato di ricerca nei settori dell'informatica, dell'ingegneria informatica, della user experience e simili.
I candidati devono essere cittadini comunitari e risiedere in uno dei paesi dell'Unione Europea.
La borsa di studio, del valore di 7.000 Euro, sarà conferita a un progetto o a una tesi che tenga conto delle esigenze delle persone con disabilità in termini di accessibilità delle TIC (tecnologie dell'informazione e della comunicazione) e/o in cui vengano proposte delle soluzioni per promuoverne l'accessibilità.
Il progetto deve far parte integrante del percorso di studi dello studente (es. progetto come tesi, realizzazione del progetto come parte del corso di studi, ecc.)
I progetti possono essere già in fase di realizzazione o essere solo delle proposte.

Le tesi o i progetti verranno valutati secondo i seguenti criteri:

- livello accademico del candidato
- originalità del progetto
- qualità scientifica del progetto a partire dallo stato dell'arte
- modalità di considerazione delle diversificate esigenze delle persone con disabilità
- grado di innovatività e qualità del contributo che il progetto offre al miglioramento dell'accessibilità delle tecnologie per le persone con disabilità

La preferenza sarà data agli studenti che siano stati impegnati in un corso di studio durante l'intero anno accademico 2016-2017.
Possono presentare domanda, entro il 31 gennaio 2018, gli studenti con disabilità cittadini dell'UE e residenti in uno dei paesi comunitari, iscritti nell'anno accademico 2017-2018 presso un'università di un paese dell'UE, incluse le università online.

E' gradito ricevere copia della eventuale candidatura presentata, al nostro indirizzo
inter@uiciechi.it.

Ulteriori indicazioni, comprese le modalità di presentazione della domanda, sono reperibili sul sito del Forum Europeo della Disabilità al seguente indirizzo:
http://www.edf-feph.org/31-january-deadline-apply-edf-oracle-e-accessibi....

Vive cordialità.

Mario Barbuto
Presidente Nazionale

Questo comunicato è presente in forma digitale sul Sito Internet:http://www.uiciechi.it/documentazione/circolari/main_circ.asp

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.

Semplice, vicina, multicanale

È più semplice, vicina, e multicanale la nuova rete d'accesso alla prenotazione di visite ed esami e all'assistenza di base dell'Azienda USL di Modena. Non sarà infatti necessario recarsi ogni volta presso uno sportello, perché il servizio si avvicina sempre più ai cittadini. Sfruttando le potenzialità del web e di smartphone e tablet, ma anche la capillarità difarmacie e Corner salute dei supermercati Coop: i luoghi più frequentati per le necessità quotidiane diventano ora punti della rete AUSL.
I vantaggi sono molti: un orario più ampio di apertura e la possibilità di effettuare richieste nei tempi più consoni al proprio stile di vita, ma anche la massima diffusione sul territorio, poiché - con attenzione alle località più piccole - tutti i comuni avranno almeno un punto d'accesso e in molti casi un ampliamento delle funzioni disponibili.
L'obiettivo è duplice: potenziare i luoghi a forte affluenza e superare invece quelli meno frequentati sostituendoli, in un'ottica di maggiore efficienza, con servizi più vicini ai cittadini, come le farmacie, già da tempo canale gradito agli utenti per la prenotazione, che ora ampliano le proprie funzioni.
Così, dal 1° novembre si avvia il cambiamento: una campagna informativa dedicata segnalerà ai cittadini il superamento di alcuni sportelli periferici, in tutto dieci punti, nei comuni di Campogalliano, Novi, Soliera, Castelnuovo Rangone, Castelvetro, Guiglia, Nonantola, Cavezzo, Concordia, secondo il percorso concordato con i rispettivi Comitati di distretto.
I materiali informativi dell'Azienda USL indicheranno inoltre tutte le modalità a disposizione per la prenotazione di visite ed esami e le richieste relative all'assistenza di base.
Scegli il modo più comodo per te...
Il sito aziendale
È possibile SCARICARE E STAMPARE I REFERTI degli esami di laboratorio inserendo codice fiscale e codice del referto. Per la TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (TAO), bastano nome utente e password per accedere alla propria scheda terapeutica. Compilando un modulo (www.ausl.mo.it/modulistica) e inviandolo via email è possibile presentare diverse richieste di ASSISTENZA DI BASE. Tra queste: iscrizione al Servizio sanitario nazionale, scelta del medico di medicina generale e del pediatra di libera scelta, esenzione dal ticket e autocertificazione della fascia di reddito, autorizzazioni e rimborsi per la dialisi e le cure all'estero in centri di alta specializzazione.

FSE: porta i tuoi dati sempre con te
Il Fascicolo Sanitario Elettronico è la raccolta online di dati e informazioni sanitarie che costituiscono la propria storia clinica e di salute, protetta da credenziali personali. Dal FSE è possibile anche accedere ai servizi messi a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna: PRENOTARE, SPOSTARE, DISDIRE, SCARICARE REFERTI, TAO, CERTIFICATO VACCINALE, PAGARE LE PRESTAZIONI, CAMBIARE IL MEDICO ECC.

Cupweb: prenota, stampa, disdici
Sempre attivo h24 è il servizio Cupweb, per PRENOTARE esami di laboratorio, visite e prestazioni di diagnostica strumentale (comprese prestazioni extra catalogo come le vaccinazioni, la medicina sportiva e la medicina legale, il rinnovo patenti, ecc). Consente inoltre di SPOSTARE o DISDIRE LA PRENOTAZIONE. Si accede con le stesse credenziali del Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE).
Con le App la vita è più smart
L'Azienda USL di Modena ha creato per i propri cittadini la app MyAUSL (per IOS e Android), uno strumento gratuito per SCARICARE I REFERTI e avere a portata di click le TERAPIE ANTICOAGULANTI ORALI (TAO), ma anche per rimanere sempre aggiornati sulle notizie dell'azienda, entrare in contatto diretto attraverso una CHAT PERSONALIZZATA e compilare la dichiarazione di giustificazione anticipata per MANCATA DISDETTA.
La App ER Salute consente invece di accedere al SISTEMA DI PRENOTAZIONE ON LINE delle prestazioni erogate dalle Aziende sanitarie della Regione Emilia-Romagna.

In farmacia, si può!
Oltre a PRENOTARE, SPOSTARE, DISDIRE APPUNTAMENTI, nelle Farmacie è possibile, in maniera totalmente gratuita: PAGARE IL TICKET per visite ed esami dell'Azienda USL di Modena, presentando il modulo di riepilogo dei costi con il codice a barre; RITIRARE I REFERTI DEGLI ESAMI DI LABORATORIO mostrando un documento di identità valido o la delega e il documento dell'interessato; PRESENTARE RICHIESTE PER ATTIVITA' DI ASSISTENZA DI BASE (cambio medico, esenzione ticket, duplicato di tessera sanitaria). La richiesta presentata in farmacia insieme a copia del documento di identità verrà inoltrata all'Azienda USL che comunicherà l'esito direttamente al cittadino.
Sono già operative circa 70 farmacie, dal 1° gennaio lo saranno tutte quelle della provincia. La possibilità di fruire dei nuovi servizi sarà comunicata in loco tramite strumenti informativi dedicati.

E per le urgenze? C'è il Call center 800 239123
Al numero verde gratuito 800 239123 si può PRENOTARE la maggior parte delle prestazioni specialistiche, urgenze comprese (ricetta priorità B), DISDIRE O SPOSTARE UN APPUNTAMENTO. Attivo dal lunedì al venerdì ore 8-18.00 e il sabato ore 8-13, fornirà tutte le informazioni sull'appuntamento e su come stampare la prenotazione online; il servizio disdetta è invece attivo h24, digitando entro la data indicata sul modulo di prenotazione i codici per la disdetta automatica.
Pagare il ticket? Facile!
Si può pagare in home banking tramite il servizio CBILL o su www.pagonlinesanita.it: oltre alla prenotazione con il codice di pagamento online, occorre codice fiscale e indirizzo e-mail, per pagare con carta del circuito Cartasì (Visa e Mastercard anche prepagate). È inoltre attivo il pagamento presso tutte le casse dei supermercati e ipermercati Coop di Modena e provincia, presso le farmacie che espongono l'avviso, ai riscuotitori automatici, nelle filiali Carisbo e negli uffici postali che hanno lo "Sportello amico".

http://www.ausl.mo.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/14744

Immagine allegata: 
Nella foto l'AUSL di Modena.

Il senso di civiltà

Di VINCENZO MALARA
Il senso di civiltà dovrebbe essere uno dei comandamenti non scritti della nostra quotidianità .
Uno degli insegnamenti più importanti che un genitore dovrebbe trasmettere al proprio figlio.
Purtroppo non è sempre così e capita che tale mancanza venga perpetrata davanti a una scuola, primo universo dove il bambino impara a costruire la propria coscienza.
Nasce da questo preambolo la battaglia lanciata da un gruppo di mamme e papà modenesi che da qualche tempo denunciano, con tanto di foto sui social delle targhe, il malcostume di diversi genitori che si ostinano a parcheggiare negli spazi riservati ai disabili .
La battaglia sta centrando il segno, tanto da avere innescato reazioni poco eleganti da parte di chi ha fatto della maleducazione una bandiera di vita.
Ne è testimone diretto Antonio Montanini, consigliere comunale di Cambia Modena, nonchè papà che ogni giorno accompagna i propri figli alla scuola primaria San Geminiano di Cognento.
E' stato lui, di fronte alla sosta selvaggia di molte mamme e papà , a partire con foto e segnalazioni.
«La questione mi tocca profondamente perchè siamo davanti a un istituto scolastico da dove parte l'educazione di un bambino - spiega Montanini -.
Non possiamo accettare che un genitore abbia comportamenti scorretti e abitui il figlio a fare altrettanto nella vita.
Il buon esempio deve partire dagli adulti...».
Il consigliere ha così deciso di pubblicare le immagini delle auto che, in barba alle regole, occupano i posti destinati agli invalidi.
«Mi è stato detto che c'è un problema di privacy, ma ho risposto che è un rischio che mi accollo volentieri.
Penso che se una persona scatta una foto in un luogo pubblico in quanto rileva una trasgressione, non fa nulla di sbagliato.
Non dobbiamo avere paura e sono il primo che se vede un genitore maleducato scende e glielo va a dire in faccia in maniera educata».
E questo coraggio sta dando fastidio a molti, tanto che lunedì mattina è stato trovato divelto il cartello che indica il posteggio per invalidi davanti alle elementari di Cognento.
«Pochi giorni fa - racconta ancora Montanini - mia moglie era stata redarguita da una signora perchè stava scattando delle foto ai mezzi parcheggiati senza autorizzazione.
Il mio sospetto è che il cartello sfilato sia un segnale preciso nei nostri confronti».
Il problema è sentito anche in altri istituti, come per esempio alla scuola per l'infanzia Famigli in via Carlo Alberto dalla Chiesa.
Tra le mamme impegnate nello stanare i furbetti c'è Erica Cuoghi: «Siamo di fronte a un malcostume che sarebbe facilmente risolvibile se non ci si nascondesse sempre dietro alla privacy dei trasgressori.
Fotografare le auto in divieto e inoltrarle ai vigili con sanzioni adeguate, sarebbe un ottimo deterrente per tutti questi soggetti senza senso civico».-

Immagine allegata: 
Nella foto un parcheggio per invalidi.

Disabilità, rimanere a casa propria evitando il ricovero: 2,8 milioni per il "Dopo di noi"

Bando della Regione per Comuni, Terzo settore, associazioni di genitori e singoli familiari. Fondi per appartamenti o soluzioni di co-housing. Domande entro il 31 gennaio
 
Garantire assistenza, indipendenza e autonomia ai familiari disabili rimasti privi di sostegno, perché orfani o con genitori ormai anziani, quindi anch'essi non più autosufficienti.
E' la speranza di tante famiglie che vivono in questa difficile, e spesso angosciante, situazione. Una risposta concreta arriva dalla Regione, che per il 2017 mette a disposizione 2,8 milioni di euronell'ambito del programma di attuazione della Legge nazionale sul'Dopo di noi', che ha proprio l'obiettivo di favorire l'assistenza, l'inclusione sociale e l'autonomia delle persone sole e gravemente disabili. Le risorse - che costituiscono una parte dei fondi statali assegnati all'Emilia-Romagna, in totale oltre 13 milioni - finanzieranno uno specifico bando, approvato oggi dalla Giunta regionale, per l'avvio di nuove forme di coabitazione. Rientrano in questa categoria appartamenti per piccoli gruppi (massimo 5 persone) o soluzioni di co-housing (un modo di abitare in comunità, che coniuga gli spazi privati con aree e servizi a uso comune), purché riproducano le condizioni abitative e le relazioni della casa familiare.
Destinatari dei contributi sono i Comuni e loro forme associative, le organizzazioni di volontariato, le cooperative sociali, ma anche associazioni di genitori e singoli familiari. Il finanziamento massimo concesso per ogni intervento non potrà superare il 90% del costo complessivo e non dovrà essere inferiore a 50 mila euro in quanto, per gli interventi al di sotto di questa cifra, la Regione ha già destinato agli Enti locali specifiche risorse con il primo riparto del fondo "Dopo di Noi". Tra le spese ammissibili figurano l'acquisto di immobili e la ristrutturazione di appartamenti privati (quindi non strutture di accoglienza o case di riposo), l'acquisto di attrezzature, soluzioni tecnologiche e arredi.  
Come presentare domanda
Le richieste di contributi devono essere inviate entro il 31 gennaio 2018 tramite Pec (indirizzo segrsst@postacert.regione.emilia-romagna.it) o per posta ordinaria, oppure consegnate a mano entro questa data al servizio Strutture, tecnologie e sistemi informativi della Regione (viale Aldo Moro, 21 - 40137 Bologna).
Il Programma regionale
Il primo Programma regionale di attuazione della Legge nazionale sul'Dopo di noi' è finanziato, per l'Emilia-Romagna, con oltre 13 milioni di euro suddivisi nel triennio 2016-2018. Parte dei fondi - 6,6 milioni di euro già assegnati - è destinata a Comuni e loro Unioni per attivare e potenziare programmi di intervento che prevedono, laddove le condizioni fisiche della persona disabile lo consentano, soluzioni alternative all'istituto, come la propria casa di origine, o l'accoglienza in abitazioni, gruppi-appartamento e co-housing. Per usufruire del sostegno è necessaria una valutazione complessiva effettuata da équipe di operatori sociali e sanitari dei Comuni e delle Aziende Usl. Una modalità già consolidata in Emilia-Romagna per l'accesso alle prestazioni del Fondo regionale per la non autosufficienza, che prevede la presenza in ogni distretto di una specifica Unità di valutazione incaricata di accertare gli effettivi bisogni e formulare proposte di progetti personalizzati. Le risorse rimanenti dopo questo bando saranno utilizzate nel 2018.
La legge sul "Dopo di noi"
La norma - approvata il 14 giugno 2016 - è "volta a favorire il benessere, la piena inclusione sociale e l'autonomia delle persone con disabilità" e per la prima volta individua e riconosce specifiche tutele per le persone con disabilità quando vengono a mancare i parenti che si sono presi cura di loro fino a quel momento. L'obiettivo della legge è garantire la massima autonomia delle persone disabili, evitando quando possibile il ricorso all'assistenza in istituto. La legge, inoltre, stabilisce la creazione di un Fondo per l'assistenza e il sostegno ai disabili privi dell'aiuto della famiglia e agevolazioni per privati, enti e associazioni che decidono di stanziare risorse a loro tutela: sgravi fiscali, esenzioni e incentivi per la stipula di polizze assicurative, trasferimenti di beni e diritti post-mortem. Il Fondo, compartecipato da Regioni, enti locali e organismi del terzo settore, ha una dotazione triennale complessiva di 90 milioni di euro per il 2016, 38,3 milioni per il 2017 e 56,1 milioni per il 2018.

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo della Regione Emilia Romagna.

Convegno sullo Sport “Pratichiamo sport per battere la disabilità

COMUNICATO N. 142

Care Amiche e cari Amici,

a conclusione dell'anno dedicato allo Sport nel corso del quale, tramite i proventi della lotteria Louis Braille, abbiamo supportato finanziariamente iniziative territoriali per un valore di circa centomila Euro, la presidenza nazionale organizzerà a Roma nei giorni 22 e 23 novembre il meeting nazionale sullo sport, in collaborazione con la UISP e la FISPIC, dal titolo

“Pratichiamo sport per battere la disabilità!”

Il meeting si svolgerà presso il centro sportivo del Divino Amore
Via Ardeatina, Roma
per favorire l’incontro con la cittadinanza e le autorità politiche e amministrative, alla presenza dei nostri referenti regionali dello sport, con la partecipazione dei campioni olimpici e paralimpici e con l'intervento di atleti agonisti e semplici praticanti.
Due giornate intense, nelle quali verranno presentate in quattro tavoli di lavoro tematiche diverse riguardanti lo sport, accompagnate da dimostrazioni sportive nelle varie discipline e testimonianze di atleti agonisti e non agonisti, appartenenti al mondo dello sport, secondo il programma allegato.
Nel corso delle due giornate è prevista inoltre la visita di istituti scolastici e la presenza di altre associazioni sportive.

La Presidenza Nazionale coprirà le spese dei referenti regionali dello sport per il soggiorno dal 21 al 22 novembre, previa prenotazione direttamente presso la segreteria organizzativa del meeting.
Le spese relative a ogni altro partecipante saranno a carico delle strutture territoriali di appartenenza, secondo le seguenti tariffe:

Casa del Divino Amore

Pernottamento e prima colazione Camera Singola 60,00 Euro, + cena 75,00 Euro.
Camera Doppia 40,00 Euro a persona + cena 55,00 Euro.

Arrivo giorno 21 e partenza 23 mattina 125,00 Euro a persona, comprensivi di pacchetto completo dalla cena del 21 alla prima colazione del 23.
pranzo a buffet servito, 15,00 Euro.

Per le prenotazioni rivolgersi a:

sig. Andrea Misuri, operatore turistico degli Istituti Religiosi
tel. 06 9933 0123
email info@istituti-religiosi.org

Invito caldamente a promuovere l’iniziativa sul territorio e a partecipare numerosi, perché il meeting rappresenta un’esperienza di comunità nella quale lo Sport diventa anche uno strumento di apprendimento e di socializzazione capace di veicolare messaggi come il rispetto per il prossimo e il prendersi cura gli uni degli altri, aiutando a far percepire sia le barriere che le potenzialità di ogni singolo individuo per superarle.

Durante il convegno sarà possibile acquistare le magliette dedicate all’evento.
Il convegno sarà trasmesso su SlashRadio mercoledì 22 novembre dalle 9.30 alle 10.30 e giovedì 23 novembre dalle 9.30 alle 13.30.

Per ulteriori informazioni sull’iniziativa, vi invito a contattare la nostra segreteria, nella persona di
Milvio Caputo
tel. 06 6998 8501
e-mail amministrazione.cnt@uiciechi.it

In particolare rivolgo un caldo invito ai presidenti sezionali perché assicurino la presenza dei rispettivi responsabili delle attività sportive, in quanto l'occasione è davvero molto importante per assicurare a tutta la nostra Associazione quella capacità organizzativa e operativa da mettere a frutto per gli anni prossimi.

In attesa di incontrarvi tutte e tutti a Roma il 22 e il 23 novembre al meeting dello sport.

Mario Barbuto
Presidente Nazionale

ALLEGATO:

Titolo:
Pratichiamo sport per battere la disabilità

Roma 22-23 novembre 2017

Struttura Sportiva del Divino Amore
Via Ardeatina - Roma

Programma:

22 novembre
ore 9.30 Introduzione del Coordinatore dell’organizzazione del Convegno Stefano Tortini e relativa presentazione dei relatori dei tavoli di lavoro e del moderatore degli stessi (Claudio Arrigoni, giornalista del Corriere della sera e della Gazzetta dello Sport).

Saluto delle Autorità
Luca Lotti Ministro dello Sport
Parlamentari e amministratori pubblici.
Stefano Tortini - Vice Presidente Nazionale dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti
Luca Pancalli - Presidente del Comitato Italiano Paralimpico
Sandro Di Girolamo - Presidente FISPIC
Vincenzo Manco - Presidente UISP
Hubert Perfler - Coordinatore Nazionale UICI Commissione Sport, Tempo libero e Turismo sociale

Seduta contemporanea dei seguenti tavoli di lavoro:
1) Sport e Tiflologia - Mauro Rozzi (UISP) / Giovanna Virga
2) Sport e Territorio - Ciro Taranto / Mariella Procaccini
3) Sport e Benessere - Giulia Di Piazza / Paolo Minafra
4) Sport insieme … in quale modo - Carlo Bruno / Don Giovanni D’Andrea

Le sedute seguiranno i seguenti orari:

ore 10.45 – 11.15 - prima sessione
ore 11.15 – 11.30 - coffee break
ore 11.30 – 12.00 - seconda sessione
ore 12.00 -12.30 - terza sessione
ore 12.30 – 13.00 - quarta sessione
ore 13.00 Pranzo

ore 15.00 – 17.30
Dimostrazioni Sportive delle seguenti discipline:
Torball, Calcio, Showdown, Scherma, Scacchi, Tennis, Judo, Tiro con l’arco.

Durante lo svolgimento del convegno verranno proiettati video sulle attività sportive.

ore 19.30 Cena ed eventuali transfert.

23 novembre
ore 9.00 Breve introduzione del Coordinatore.
Report dei Coordinatori dei tavoli di lavoro.
ore 10.45 Pausa.
ore 11.00 - 12.30 – testimonianze di quattro atleti agonisti e quattro non agonisti,
ore 12.30 chiusura dei lavori
Mario Barbuto Presidente Nazionale Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti

Questo comunicato è presente in forma digitale sul Sito Internet: http://www.uiciechi.it/documentazione/circolari/main_circ.asp

Immagine allegata: 
Nella foto il logo dell'UICI.

Pagine

Abbonamento a Novità e notizie