Progetto "occhio al lavoro"

Gentili associati,

Vi informiamo di un progetto embrionale che Confcooperative ha proposto a livello territoriale all'UICI per lo sviluppo di possibili cooperazioni per l'inserimento dei disabili visivi interessati ad una collocazione interna alla realtà del mondo cooperativo.
Il progetto vuole nascere dall'esigenza di assorbire nella realtà sociale del territorio quelle persone che si trovano in situazione di disagio e può risultare uno strumento per l'inserimento lavorativo di disabili occupabili.
Il compito dell'Unione è di ricercare, attraverso la Vostra collaborazione, soggetti disabili visivi che siano interessati ad una probabile collocazione internamente a queste cooperative.
Attraverso la messa in rete, il lavoro congiunto e la collaborazione di attori diversi, (le coop. sociali, i servizi territoriali di inserimento lavorativo, le progettazioni sperimentali e innovative) , che operano per l’integrazione e l’inserimento lavorativo delle persone con disabilità con particolare riferimento ai disabili visivi, l'Unione consentirà di elaborare un repertorio significativo di buone prassi consolidate nel territorio e più diffusamente nella rete proponente.
L’idea di fondo è che il percorso finalizzato all’inserimento lavorativo delle persone con disabilità passi attraverso la messa a punto di strumenti operativi condivisi tra enti pubblici, cooperative sociali, aziende, disabili coinvolti. Una volta individuata l’azienda, le relative mansioni e la cooperativa, si potrà individuare la persona con disabilità idonea per intraprendere un percorso mirato all’assunzione del ruolo di lavoratore. Questo consente di promuovere un inserimento lavorativo specifico combinando gli strumenti a disposizione, quali tirocini, borse lavoro e salari di ingresso e di costruire inoltre una griglia di misurazione e valutazione degli interventi e del raggiungimento degli obiettivi più dettagliata ed efficace.
Occorre mettere a contatto due mondi e due culture visti spesso come distanti tra loro: da un lato i “servizi” quali attori degli inserimenti, dall’altro le aziende quali destinatarie dell’intervento. La buona riuscita dell’inserimento lavorativo dipende dalla capacità di individuare un punto di incontro tra le esigenze della persona con disabilità e quelle dell’azienda.
La diffusione della “ buona prassi” per l'inserimento lavorativo che permetta la pratica attuazione di un concetto apparentemente ovvio “l’uomo giusto al posto giusto”, che nel nostro contesto in realtà rappresenta un concetto ambizioso e non facilmente realizzabile, diventa dunque strumento chiave per ottenere i risultati auspicati.

Motivazioni, obiettivi e metodologia della ricerca-azione.
Lo scopo di questa ricerca è quello di far emergere reali richieste ed elenchi di persone disabili visive occupabili ed in cerca di lavoro, formulare proposte ed adottare gli strumenti per l’attuazione delle convenzioni di inserimento lavorativo nella provincia di Modena.

Il contributo che potete dare è quello di segnalarci i nominativi a uicmo@uiciechi.it (nome, cognome, tel., e-mail, etc... ed inviarci breve CV) per favorire l'incontro domanda/offerta lavorativa e per poterci consentire di indirizzare la Vs. professionalità in percorsi propedeutici.
Grazie per aiutarci a scoprire questo orizzonte nuovo.
A tutti l’augurio di un lavoro pieno di soddisfazioni.

Il Presidente Territoriale UICI Modena
Ivan Galiotto

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.