“FACCIO IO...per due!”

Bologna, 19/01/2018.

Intervento educativo e riabilitativo per minori con disabilità visiva e/o pluridisabilità, Emilia-Romagna.

Il Progetto vuole dare la possibilità a bimbi, ragazzi e alle loro famiglie di poter conoscere, verificare, approfondire, migliorare, scoprire e assecondare le potenzialità di ciascuno per canalizzarle in obiettivi individuali e individualizzati che possano facilitare la strada verso l'autonomia e l'accrescimento della fiducia in sé stessi.
È un Progetto giunto alla sua quarta edizione e che vuole quindi proseguire con l'importante percorso avviato nel 2014 da un bisogno esplicito di alcune famiglie del territorio e dall'intraprendenza del Consiglio Regionale I.Ri.Fo.R. Emilia-Romagna, che ha voluto ascoltare e rispondere alle particolari esigenze di famiglie di minori con disabilità visiva e/o pluridisabilità, facendo crescere nel corso di questi tre anni un gruppo sempre più numeroso e ben affiatato di persone, con il supporto di due Istruttori Aniomap specializzati nell'Intervento Precoce.
L'intento rimane quello dell'avvio ossia arricchire ed integrare le risorse territoriali presenti sul territorio dell'Emilia-Romagna, affrontare la necessità e le problematiche di minori con disabilità visiva mediante l’opportuna e peculiare professionalità di operatori qualificati per l’età evolutiva, a partire dall’intervento precoce. La stessa attenzione andrà ai piccoli come ai genitori perché è risaputo che l'affiancamento delle famiglie è importante tanto quanto il seguire i figli, soprattutto se in presenza di difficoltà/disabilità. Il Progetto quindi vuole ancora rivolgersi nello specifico a bambini/ragazzi con disabilità visiva con o senza disabilità aggiuntive, per far sì che tempestività, professionalità, sensibilità e competenza siano i cardini del percorso di crescita sia dei piccoli sia dei loro genitori.
In questa nuova edizione ci sarà un'importante svolta che, con il cambio degli operatori coinvolti, vuole approfittare dell'occasione per assecondare l’esigenza emersa in questi anni di interventi anche domiciliari. Poter intervenire anche nella quotidianità dei bimbi e dei ragazzi, innestando obiettivi e strategie nei luoghi della loro vita di tutti i giorni, accresce la loro motivazione e ottimizza ulteriormente quanto fatto in altra sede. Inoltre, previo accordo tra le parti, fornisce la preziosa opportunità di recarsi direttamente presso le scuole e/o altre strutture che hanno in carico i partecipanti per ottimizzare il confronto, la consulenza e la condivisione degli obiettivi.

La quota di partecipazione è di Euro 300,00 sia per il Percorso A sia per il Percorso B. La scheda di iscrizione, unitamente alla certificazione di disabilità visiva e/o pluriminorazione del minore, dovrà essere inviata improrogabilmente entro il 05/02/18 all’I.Ri.Fo.R. Consiglio Regionale Emilia-Romagna tramite email (scansionata) all’indirizzo emiliaromagna@irifor.eu . Dopo tale data, alle famiglie saranno comunicati l’accoglimento o meno dell’iscrizione e le modalità per il versamento della quota.

OBIETTIVI GENERALI
Gli obiettivi comuni in linea di massima a tutti i partecipanti sono:
• Verificare e/o potenziare il grado di sviluppo delle abilità nelle seguenti aree generali:
• percezione sensoriale uditiva
• percezione sensoriale tattile
• percezione sensoriale olfattiva
• motricità generale
• motricità fine
• Verificare, incrementare abilità già presenti e/o far acquisire nuove strategie nelle seguenti
aree specifiche dell’intervento:
• pre-AP
• pre-OM
• Attraverso il gioco e/o il gioco basale, incrementare la conoscenza, la fiducia, la curiosità
verso sè stessi e ciò che si è capaci di fare nonchè verso gli altri e il mondo circostante
• Verificare eventuali strategie per l’attenuazione di atteggiamenti stereotipati

OBIETTIVI SPECIFICI
Nello specifico, il Progetto si sdoppierà consentendo alle famiglie di individualizzare al meglio il percorso dei loro figli:

• PERCORSO A – INTERVENTO PRECOCE: bambini da 0 a 5 anni con disabilità visiva totale o parziale e/o con pluridisabilità aggiuntive. L'operatore Aniomap referente sarà specializzato nell'Intervento Precoce. Per ogni partecipante (massimo 5) si prevede un percorso di n. 8 ore di attività diretta, presso la palestra dell’Istituto Cavazza di Bologna, via dell’Oro 3, nelle seguenti date (sabato): 17/02/18, 10/03/18, 24/03/18, 21/04/18, 05/05/18, 19/05/18, 09/06/18, 23/06/18.

Attività previste:
• Stimolazione Basale: conquistare la conoscenza del proprio corpo, delle proprie abilità, dei gusti personali ma anche il piacere dell'interazione autonoma con gli oggetti, con i primi ausili e della relazione con l'altro, attraverso il gioco più morbido, coinvolgente e accogliente perchè il risultato sia motivante, divertente, stimolante e sprigioni la curiosità necessaria per proseguire con le conquiste successive anche legate all'AP o all'OM;

• Stimolazioni Visive: la visione va appresa. Risulta quindi fondamentale accompagnare i piccoli in questa eventuale e preziosa scoperta perchè la realtà non risulti più confusa o fastidiosa ma decifrabile e comprensibile così che il potenziale visivo diventi valido contributo integrativo alla conoscenza e scoperta del mondo circostante e, allo stesso tempo, vengano forniti accorgimenti funzionali all'illuminazione, uso dei contrasti, ecc.;

• pre-OM&AP: avviare i pre-requisiti in ambito delle autonomie personali di base e alle prime esplorazione del mondo che potranno sostenere scoperte e conquiste future più complesse partendo dal presupposto che non sia mai troppo presto per iniziare se lo si fa giocando;

• Metodo Terzi (moduli base): intervento cognitivo-motorio che sviluppa la capacità di integrare ed elaborare le informazioni spazio-temporali e percettivo-motorie e favorisce la rappresentazione mentale dello spazio personale, peripersonale ed extrapersonale.

• PERCORSO B – CRESCERE SCOPRENDO: sul territorio di residenza delle famiglie: età compresa dai 5 anni alla preadolescenza con disabilità visiva totale o parziale e/o con pluridisabilità aggiuntive. Per ogni partecipante (massimo 10) si prevede un percorso di n. 10 ore di attività diretta. L'organizzazione temporale sarà indicativamente quella del Percorso A ma potrà essere concordata con le famiglie e gli operatori di riferimento. Possibilità per i partecipanti di fare 2 ore consecutive in accordo con famiglie, operatore di riferimento ed Ente per ottimizzare lo spostamento e/o per affrontare unità più corpose.

Attività previste:
• Orientamento&Mobilità (OM): decifrare le complessità del mondo esterno mediante il potenziamento e l'integrazione delle sensorialità presenti al fine di conquistare un'autonomia negli spostamenti in luoghi interni e/o esterni, conosciuti e/o sconosciuti, anche con l'apprendimento delle corrette tecniche d'uso degli eventuali ausili specifici;

•Consulenze di Autonomia Personale (AP): ricevere indicazioni generali sulla risoluzione di situazioni quotidiane inerenti la gestione personale. Problematiche più complesse e/o specifiche potranno essere affrontate in mini laboratori che coinvolgeranno altri bimbi e operatori specializzati, nel rispetto del rapporto 1:1;

• Consulenza Tiflologica e Tiflodidattica: attraverso il confronto ed il reciproco scambio con insegnanti ed educatori costruire insieme un percorso di obiettivi relativi al potenziamento delle autonomie e all’organizzazione e alla gestione delle attività scolastiche;

• Consulenze sul Cane Guida (con l'operatore specializzato): comprensione del modello di socializzazione ed educativo del futuro Cane Guida (dalle 8 settimane di vita all’anno di età); modello attuato da oltre 50 anni in tutta Europa che comprende tutte quelle regole di comportamento necessarie per una buona convivenza con l'uomo, un suo buon inserimento nella società umana ed un perfetto adattamento a tutte le situazioni nelle quali potrà trovarsi, con e senza il disabile visivo.

ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO
• I pacchetti individuali avranno un costo complessivo copartecipato (Ente, famiglie, ecc.) per rendere più efficace l’investimento e la corresponsabilità.
• Incontri diretti della durata indicativa di un’ora (salvo accordi in relazione a finalità specifiche), individuali ed individualizzati.
• Famiglie presenti durante le attività per un confronto diretto e continuativo sul procedere delle proposte, per la condivisione di modalità e obiettivi, per fornire l’occasione ai genitori di visionare in “presa diretta” le metodologie utilizzate e i risultati ottenuti, fornendo anche preziose informazioni agli operatori al fine di mirare al meglio l’intervento.
• Previo accordo, apertura anche ad eventuali operatori, educatori, insegnanti, terapisti, ecc. del territorio per garantire una continuità e coerenza d’intervento.
•L'organizzazione temporale del Progetto sarà strutturata nel periodo febbraio 2018 – luglio 2018. Possibilità di recupero di eventuali incontri rimandati dagli operatori.
• A richiesta eventuale stesura di relazioni individuali e/o complessive per rendicontare su obiettivi
e risultati dei percorsi.

OPERATORI
N. 03 professionisti ANIOMAP nel settore della disabilità visiva:
Dott.ssa SIMONA ROCA
Tecnico dell’Educazione e Riabilitazione in Orientamento Mobilità e Autonomia Personale per
disabili visivi - Operatore specializzato in intervento precoce per bambini con deficit visivo e
plurihandicap - Operatore Terzi Base in ambito riabilitativo/educativo.

Dott. SIMONE VENZA
Tecnico in Orientamento e Mobilità ed Istruttore - Addestratore Cani Guida per disabili della vista.

Dott. MARTINO ZAVAGNO
Istruttore di Orientamento e Mobilità per disabili visivi - Educatore Tiflologico.

Cordiali saluti.
Il Vicepresidente Regionale
Dott.ssa Chiara Tirelli

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.
Documento allegato: