Novità e notizie

Modena - "Siamo sordi, non marziani"

RESTO DEL CARLINO MODENA - 17/01/2018.

IL NOSTRO è il mondo del silenzio.
Dentro e fuori.
Il nostro sogno sarebbe quello di gestire un bar, proprio per sordi ma, se a Bologna è concesso, forse a Modena ci vedono ancora troppo diversi.
L'appello arriva da un gruppo di ragazzi sordi che hanno deciso di far sentire la propria voce in un mondo che non li ascolta.
«A nessuno interessa veder realizzati i nostri sogni - spiega Davide Olive -, vorremmo gestire un bar ma ci hanno chiuso le porte in faccia; ci guardano come fossimo marziani ma vogliamo ricordarvi che guidiamo la macchina come voi, ascoltiamo la musica come voi (certo, percepiamo le vibrazioni) e andiamo regolarmente a ballare.
Alcuni di noi vorrebbero guidare i camion, ma anche questo non è consentito.
Abbiamo girato l'Europa, scoprendo come, ad esempio, solo in Italia la nostra pensione sia di 250 euro rispetto ai 900 degli altri paesi.
E solo qui i film non hanno i sottotitoli, lo sapevate? E il lavoro? Un'utopia, eppure di cose ne sappiamo fare tante.
A cosa serve essere iscritti nella lista protetta? Vorremmo poter insegnare la nostra lingua nelle scuole, ma anche questo non ci è concesso.
Esiste qualcuno disposto a credere in noi?

Valentina Reggiani-

Immagine allegata: 

Fondi MIUR per acquisto e successivo comodato d'uso di sussidi per gli alunni con disabilità

Si trasmette la comunicazione proveniente dall’Ufficio Scolastico Regionale, con preghiera di massima diffusione.
Si informa, come precisato nell’allegato 1, che i progetti possono essere presentati dalle Istituzioni scolastiche statali e paritarie dell’Emilia-Romagna entro il 10 febbraio.
Cordiali saluti.

Il Presidente Territoriale
Dott. Ivan Galiotto

--------------

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L’EMILIA-ROMAGNA
Staff del Direttore Generale
Graziella Roda tel.051-3785263
Gentili,
Informo che il MIUR ha assegnato ai CTS (a livello nazionale) dei fondi per l’acquisto e il successivo comodato d’uso di sussidi per alunni con disabilità.
A questo link si trovano sia la documentazione nazionale sia le indicazioni per le scuole dell’Emilia-Romagna:
http://istruzioneer.it/2018/01/10/avviso-presentazione-di-progetti-di-in...
I fondi sono tanti, molti più di quanti se ne siano mai visti a mia memoria (e io risalgo indietro di molti anni). Si tratta di dieci milioni di euro a livello nazionale, per metà già accreditati sui conti delle scuole sede dei CTS. Per l’Emilia-Romagna ci sono quasi 700.000 euro, di cui metà già accreditati. Tra l’altro il decreto assicura che questi fondi saranno riassegnati anche per altri due anni oltre questo.
Cordiali saluti
Graziella Roda

Immagine allegata: 
Nell'immagine è raffigurato il logo dell'UICI.

Importi anno 2018 pensioni ed indennità INVCIV per i ciechi civili

COMUNICATO N. 6

Care amiche, cari amici,

con circolare INPS N. 186 del 21-12-2017- Rinnovo pensioni 2018Allegato 2 TabellaM1 pp. 27 e 28, sono stati resi noti gli importi delle provvidenze economiche
spettanti ai ciechi civili per l’anno 2018.

Fonte normativa di riferimento:

Decreto Ministro Economia e Finanze, di concerto con il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, del 20 novembre 2017 (GU n. 280 del 30-11-2017)

Prestazioni a favore dei ciechi civili categoria INVCIV (pensioni e indennità)

L’indice di aumento di perequazione automatica, calcolata in via provvisoria e con effetto dal 1° gennaio 2018, per le pensioni e limiti di reddito personale
lordo annuale è pari allo 0,8 per cento.

Limite di reddito personale lordo annuo per il diritto alla pensione: Euro 16.664,36

Pensione per i ciechi assoluti ricoverati e i ciechi parziali ventesimisti: Euro 282,55

Pensione per i ciechi assoluti non ricoverati: Euro 305,56

Limite di reddito personale annuo per gli ipovedenti gravi con solo assegno a vita a esaurimento: Euro 8.011,78

Assegno a vita a esaurimento: Euro 209,70

L’indice di aumento di perequazione automatica, calcolata in via provvisoria e con effetto dal 1° gennaio 2018, per le indennità è pari allo 0,40 per cento.

Indennità di accompagnamento per ciechi assoluti: Euro 915,18

Indennità speciale per ciechi parziali: Euro 209,51

(*) Nota bene le indennità speciale e di accompagnamento sono indipendenti dai redditi.

Sono definitive le percentuali di incremento, stimate in via previsionale per il 2017 (rif. comunicato Uici N. 11 del 23-01-2017).

Richiamo l’attenzione sulle seguenti ulteriori informazioni utili:

Per i titolari di prestazioni INVCIV con revisione sanitaria scaduta.

I titolari di prestazioni INVCIV in attesa di revisione conservano tutti i diritti acquisiti in materia di benefìci, prestazioni e agevolazioni di qualsiasi
natura, come prevede l’art. 25 comma 6-bis del Decreto Legge N. 90/2014.

Pertanto, per le prestazioni a favore di invalidi civili, ciechi civili e sordi, per le quali nell’anno 2018, risulti memorizzata nel database una data
di revisione sanitaria, il pagamento è comunque impostato anche per le mensilità successive alla data di scadenza della revisione.

Legge di Bilancio 2018. Nuovo calendario del pagamento delle provvidenze economiche.

L’art. 1, comma 184 della Legge 27 dicembre 2017, n. 205 (Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2018) ha modificato l’art. 1, comma
302 della Legge 23 dicembre 2014, n. 190 stabilendo un nuovo calendario a regime da gennaio 2018 ed, in particolare, che .

Pertanto, a partire dal 2018, i trattamenti pensionistici, gli assegni, le pensioni e le indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili, e le
rendite vitalizie dell’INAIL saranno effettuati il primo giorno bancabile di ciascun mese, o il giorno successivo se si tratta di giornata festiva o non
bancabile, con un unico mandato di pagamento, fatta eccezione per il mese di gennaio nel quale l’erogazione sarà ancora eseguita il secondo giorno bancabile.

Maggiorazioni sociali (Circolare INPS N. 186 del 21-12-2017, Allegato 2, pp. 26, 33 - 38) Misure di incremento della pensione INVCIV per ciechi civili
che versino in situazioni reddituali personali e/o familiari particolarmente disagiate, quindi con un reddito annuo bassissimo.

Vi invito a prestare la massima attenzione all’allegato 1 al presente comunicato.

Abbiamo infatti simulato alcune situazioni di indigenza personale e/o familiare, facili da ritrovare anche tra i nostri soci ciechi civili (quindi titolari
di pensione INVCIV), che darebbero diritto all’incremento della loro pensione INVCIV (Nota bene, i cd “Diritti inespressi” sulla pensione INVCIV:la somma
aggiuntiva, sostanzialmente, non viene automaticamente erogata a meno che il cieco civile non abbia avanzato apposita domanda documentata, alla quale può
conseguire il ricalcolo della pensione con le somme dovute).

Non sono infrequenti, infatti, casi di nuclei familiari, dove, ad esempio il marito (o parimenti la moglie) sia cieco civile e titolare solo di provvidenze
INVCIV e la moglie casalinga o disoccupata o, al massimo, che percepisca la sola pensione sociale.

In tali casi, il reddito familiare sarà certamente molto basso e, pertanto, l’interessato titolare di prestazione INVCIV potrà, a richiesta, ottenere dall’INPS
un incremento economico della medesima prestazione INVCIV, secondo le misure sotto riportate.

Il testo della circolare INPS N. 186/2017, completo di Tabella Rinnovo pensioni 2018, è consultabile agli allegati 2 e 3 del presente comunicato.

Vive cordialità.

Mario Barbuto

Presidente Nazionale

LAPR (EC/ec)

S:\LAVORO E PREVIDENZA\CECCARELLI\CIRCOLARI AL EC\IMPORTI PROVVIDENZE\IMPORTI 2018\IMPORTI INVCIV ANNO 2018 PENSIONI ED INDENNITÀ PER I CIECHI CIVILI.DOC

Allegato 1

Calcolo dell’aumento INVCIV previsto dall’art. 67 della Legge N. 448 del 1998 (circolare INPS N. 186 del 21-12-2017, allegato 2 Tabella L pag. 26)

Requisiti richiesti:

a) status visivo: cecità totale e parziale

b) età: nati prima del 1° gennaio 1931 - ciechi totali ricoverati (fasce 6, 11) e ciechi parziali (fasce 8, 12, 13, 16 e 17)

c) limite reddito: se pensionato solo, il limite di reddito deve essere inferiore a Euro 3.760,12; se pensionato coniugato, il limite reddituale familiare
deve essere inferiore a Euro 15.628,74*

(*) Nota bene le indennità speciale e di accompagnamento non costituiscono reddito.

d) aumento: di Euro 71,50 mensili, che si riducono proporzionalmente, se pensionato solo fino al

limite di reddito di Euro 4.689,62, se pensionato coniugato fino al limite di reddito di Euro 16.558,24.

a) status visivo: cecità totale

b) età: nati prima del 1° gennaio 1931 - ciechi totali non ricoverati (fasce 7 e 10)

c) limite reddito: se pensionato solo, il limite di reddito deve essere inferiore a Euro 3.760,12; se pensionato coniugato, il limite reddituale familiare
deve essere inferiore a Euro 15.628,74.

(*) Nota bene le indennità speciale e di accompagnamento non costituiscono reddito.

d) aumento: di Euro 55,18 mensili, che si riducono proporzionalmente, se pensionato solo fino al

limite di reddito di Euro 4.689,62, se pensionato coniugato fino al limite di reddito di Euro 16.558,24.

a) status visivo: cecità totale e parziale

b) età: ultrasessantacinquenni nati dopo il 31 dicembre 1930 - ciechi totali e ciechi parziali (fasce 6,7, 8, 10, 11, 12, 13, 14, 16 e 17)

c) limite reddito: se pensionato solo, fino a Euro 4.795,83; se pensionato coniugato, il limite reddituale deve essere inferiore a Euro 10.684,83*

(*) Nota bene le indennità speciale e di accompagnamento non costituiscono reddito.

d) aumento di Euro 71,50 mensili, che si riducono proporzionalmente, se pensionato solo fino al limite di reddito di Euro 5.725,33, se pensionato
coniugato fino al limite di reddito di Euro 11.614,33.

Aumento della pensione INVCIV previsto dall’art. 70, comma 6, della Legge 388/2000- Finanziaria 2001 (cit. circolare INPS, allegato 2 Tabella M4 pag. 33)

Requisiti richiesti:

a) status visivo: cecità totale e cecità parziale (fasce 6,7, 8, 10, 11, 12, 13, 14, 16 e 17)

b) età minima: non è previsto alcun limite di età

c) limite reddito: se pensionato solo, Euro 6.023,29; se pensionato coniugato, il limite reddituale deve essere inferiore a Euro 12.619,75*

(*) Nota bene le indennità speciale e di accompagnamento non costituiscono reddito.

d) aumento di Euro 10,33 mensili. L’aumento è spettante se non vengono superati i limiti di reddito.

Incremento al milione previsto dall’art. 38 della Legge 448/2001 – Finanziaria 2002, modificato dall’art. 5, comma 5, della Legge N. 127/2007) (cit. circolare
INPS, allegato 2 Tabella M5 pp. 34-38)

I soggetti pensionati particolarmente indigenti possono richiedere un aumento mensile della pensione fino ad un massimo di Euro 643,86.

Requisiti richiesti:

d) status visivo: cecità totale e cecità parziale

e) età minima: per i ciechi totali 60 anni(fasce 6,7,10 e 11), per i ciechi parziali 70 anni( fasce 8, 12, 13, 16 e 17)

f) limite reddito: se pensionato solo, Euro 8.370,18; se pensionato coniugato, il limite reddituale deve essere inferiore a Euro 14.259,18*

(*) Nota bene le indennità speciale e di accompagnamento non costituiscono reddito.

Modalità di calcolo:

L’entità dell’erogazione, che va valutata caso per caso, sarà tale da portare in ogni caso la pensione INVCIV dell’interessato allacifra complessiva di
Euro 643,86 mensili.

Al fine di agevolare la valutazione, sono di seguito riportate le principali casistiche che potrebbero presentarsi in Sezione:

Ad es.

il cieco totale ricoverato tra i sessanta e i sessantacinque anni (fasce 6, 11), soloe con reddito basso percepirà una somma aggiuntiva mensile di Euro
361,31, oltre alla pensione di Euro 282,55, per arrivare al limite reddituale personale annuale di Euro 8.370,18 (ad es. se la sua unica fonte di reddito
è la pensione INVCIV di Euro 282,55, il calcolo sarà il seguente: Euro 282,55 + somma aggiuntiva di Euro 361,31 = totale mensile di Euro 643,86 che moltiplicato
per 13 mensilità darà un reddito personale annuale di Euro 8.370,18);

il cieco totale ricoverato tra i sessanta e i sessantacinque anni (fasce 6, 11), coniugato e con un reddito familiare basso percepirà una somma personale
aggiuntiva mensile di Euro 361,31, oltre alla pensione di Euro 282,55, che concorrerà al limite reddituale familiare annuale di Euro 14.259,18 (ad es.
se la sua unica fonte di reddito è la pensione INVCIV di Euro 282,55 e la moglie è titolare di assegno sociale (che per il 2018 è pari a Euro 453,00),
il calcolo sarà il seguente: Euro 282,55 + somma aggiuntiva di Euro 361,31 = totale personale mensile di Euro 643,86 che moltiplicato per 13 mensilità
e sommato all’assegno sociale di Euro 453,00 della moglie sempre per 13 mensilità darà un reddito familiare annuale diEuro 14.259,18);

il cieco totale non ricoverato tra i sessanta e i sessantacinque anni (fasce 7, 10), solo e con un reddito basso percepirà una somma personale aggiuntiva
mensile di Euro 338,30, oltre alla pensione di Euro 305,56, per arrivare al limite reddituale personale annuale di Euro 8.370,18 (ad es. se la sua unica
fonte di reddito è la pensione INVCIV di Euro 305,56, il calcolo sarà il seguente: Euro 305,56 + somma aggiuntiva di Euro 338,30 = totale mensile di Euro
643,86 che moltiplicato per 13 mensilità darà un reddito personale annuale diEuro 8.370,18);

il cieco totale non ricoverato tra i sessanta e i sessantacinque anni (fasce 7, 10), coniugato e con un reddito familiare basso percepirà una somma personale
aggiuntiva mensile di Euro 338,30, oltre alla pensione di Euro 305,56, per arrivare al limite reddituale familiare annuale di Euro 14.259,18 (ad es. se
la sua unica fonte di reddito è la pensione INVCIV di Euro 305,56 e la moglie è titolare di assegno sociale (che per il 2018 è pari a Euro 453,00), il
calcolo sarà il seguente: Euro 305,56 + somma aggiuntiva di Euro 338,30 = totale personale mensile di Euro 643,86 che moltiplicato per 13 mensilità e sommato
all’assegno sociale di Euro 453,00 della moglie sempre per 13 mensilità, darà un reddito familiare annuale diEuro 14.259,18).

il cieco totale ricoverato ultrasessantacinquenne (fasce 6, 11) e il cieco parziale ultrasettantenne (fasce 8, 12, 13, 16 e 17), solie con reddito basso
percepiranno una somma personale aggiuntiva mensile di Euro 289,81, oltre alla pensione di Euro 354,05 [data da Euro 282,55 INVCIV+ Euro 71,50aumento ex
art. 67 della Legge N. 448/1998], per arrivare al limite reddituale personale annuale di Euro 8.370,18 (ad es. se la sua unica fonte di reddito è la pensione
INVCIV di Euro 282,55, incrementata di Euro 71,50 per l’applicazione dell’art. 67 della Legge N. 448/1998, il calcolo sarà il seguente: Euro 354,05 +
somma aggiuntiva di Euro 289,81 = totale mensile di Euro 643,86 che moltiplicato per 13 mensilità darà un reddito personale annuale diEuro 8.370,18);

il cieco totale ricoverato ultrasessantacinquenne (fasce 6, 11) e il cieco parziale ultrasettantenne (fasce 8, 12, 13, 16 e 17), coniugatie con reddito
familiare basso percepiranno una somma personale aggiuntiva mensile di Euro 289,81, oltre alla pensione di Euro 354,05 [data da Euro 282,55 INVCIV+ Euro
71,50aumento ex art. 67 della Legge N. 448/1998], per arrivare al limite reddituale familiare annuale di Euro 14.259,18 (ad es. se la sua unica fonte di
reddito è la pensione INVCIV di Euro 282,55, incrementata di Euro 71,50 per l’applicazione dell’art. 67 della Legge N. 448/1998, e la moglie è titolare
del solo assegno sociale (che per il 2018 è pari a Euro 453,00), il calcolo sarà il seguente: Euro 354,05 + somma aggiuntiva di Euro 289,81 = totale mensile
di Euro 643,86 che moltiplicato per 13 mensilità e sommato all’assegno sociale di Euro 453,00 della moglie sempre per 13 mensilità, darà un reddito familiare
annuale diEuro 14.259,18).

il cieco totale non ricoverato nato prima del 1 gennaio 1931 (fasce 7, 10), solo e con un reddito basso percepirà una somma personale aggiuntiva mensile
di Euro 283,12*, oltre alla pensione di Euro 360,74 [data da Euro 305,56 INVCIV+ Euro 55,18aumento ex art. 67 della Legge N. 448/1998], per arrivare al
limite reddituale personale annuale di Euro 8.370,18 (ad es. se la sua unica fonte di reddito è la pensione INVCIV di Euro 305,56, incrementata di Euro
55,18 per l’applicazione dell’art. 67 della Legge N. 448/1998, il calcolo sarà il seguente: Euro 360,74 + somma aggiuntiva di Euro 283,12 = totale mensile
di Euro 643,86 che moltiplicato per 13 mensilità darà un reddito personale annuale diEuro 8.370,18);

il cieco totale non ricoverato nato prima del 1 gennaio 1931 (fasce 7, 10), coniugato e con un reddito familiare basso percepirà una somma personale aggiuntiva
mensile di Euro 283,12*, oltre alla pensione di Euro 360,74 [data da Euro 305,56 INVCIV+ Euro 55,18aumento ex art. 67 della Legge N. 448/1998], per arrivare
al limite reddituale familiare annuale di Euro 14.259,18 (ad es. se la sua unica fonte di reddito è la pensione INVCIV di Euro 305,56, incrementata di
Euro 55,18 per l’applicazione dell’art. 67 della Legge N. 448/1998, e la moglie è titolare del solo assegno sociale (che per il 2018 è pari a Euro 453,00),
il calcolo sarà il seguente: Euro 360,74 + somma aggiuntiva di Euro 283,12 = totale personale mensile di Euro 643,86 che moltiplicato per 13 mensilità
e sommato all’assegno sociale di Euro 453,00 della moglie sempre per 13 mensilità, darà un reddito familiare annuale diEuro 14.259,18).

(*) Nota Bene: Abbiamo rilevato che, per tali fattispecie di fasce, l’INPS ha riportato in Tabella un valore di somma aggiuntiva erroneo (Euro 283,76,
in luogo di quello corretto pari ad Euro 283,12 sopra indicato), certamente ingenerato dalla confusione in valore ex art. 67 della Legge N. 448/1998 tra
l’importo del 2017 (Euro 54,57) e quello del 2018 (Euro 55,18). Sarà nostra premura chiederne tempestivamente la correzione.

il cieco totale non ricoverato ultrasessantacinquenne nato dopo il 31 dicembre 1930 (fasce 7, 10), solo e con un reddito basso percepirà una somma personale
aggiuntiva mensile di Euro 266,80, oltre alla pensione di Euro 377,06 [data da Euro 305,56 INVCIV+ Euro 71,50aumento ex art. 67 della Legge N. 448/1998],
per arrivare al limite reddituale personale annuale di Euro 8.370,18 (ad es. se la sua unica fonte di reddito è la pensione INVCIV di Euro 305,56, incrementata
di Euro 71,50 per l’applicazione dell’art. 67 della Legge N. 448/1998, il calcolo sarà il seguente: Euro 377,06 + somma aggiuntiva di Euro 266,80 = totale
mensile di Euro 643,86 che moltiplicato per 13 mensilità darà un reddito personale annuale diEuro 8.370,18);

il cieco totale non ricoverato ultrasessantacinquenne nato dopo il 31 dicembre 1930 (fasce 7, 10), coniugato e con un reddito familiare basso percepirà
una somma personale aggiuntiva mensile di Euro 266,80, oltre alla pensione di Euro 377,06 [data da Euro 305,56 INVCIV+ Euro 71,50 aumento ex art. 67 della
Legge N. 448/1998], per arrivare al limite reddituale familiare annuale di Euro 14.259,18 (ad es. se la sua unica fonte di reddito è la pensione INVCIV
di Euro 305,56, incrementata di Euro 71,50 per l’applicazione dell’art. 67 della Legge N. 448/1998, e la moglie è titolare del solo assegno sociale (che
per il 2018 è pari a Euro 453,00), il calcolo sarà il seguente: Euro 377,06 + somma aggiuntiva di Euro 266,80 = totale personale mensile di Euro 643,86
che moltiplicato per 13 mensilità e sommato all’assegno sociale di Euro 453,00 della moglie sempre per 13 mensilità darà un reddito familiare annuale diEuro
14.259,18).

Il reddito della pensione INVCIV, oltre agli aumenti INVCIV (ex art. 67 della Legge N. 448 del 1998, ex art. 70, comma 6, della Legge 388/2000 o per l’incremento
INVCIV al milione), si somma anche ad eventuali altri redditi personali, se percepiti dal pensionato. Fondamentale ai fini della percezione della somma
aggiuntiva, il cui importo va a concorso fino al raggiungimento del limite previsto, è il rispetto dei limiti reddituali che, si ribadiscono, sono: di
Euro 8.370,18 se il pensionato fa nucleo familiare a se stante, e di Euro 14.259,18 se coniugato.

Ad. es., se le fonti di reddito di un soggetto cieco totale ultrasessantenne anni(fasce 6,7,10 e 11) o cieco parziale ultrasettantenne( fasce 8, 12, 13,
16 e 17) - nucleo familiare a se stante - sono la pensione INVCIV e altri Redditi da Pensionato (RP), il calcolo sarà il seguente: Euro INVCIV + eventuali
maggiorazioni INVCIV o sociali + RP + somma personale aggiuntiva X a concorso= totale mensile di Euro 643,86 che per 13 mensilità darà un reddito personale
annuale di Euro 8.370,18.

Analogo calcolo se coniugato, per arrivare al limite reddituale familiare annuale di Euro 14.259,18.

Per ottenere gli aumenti della pensione INVCIV, non automatici (calcolo dell’aumento INVCIV previsto dall’art. 67 della Legge N. 448 del 1998, calcolo
dell’aumento INVCIV previsto dall’art. 70, comma 6, della Legge 388/2000 (Finanziaria 2001),l’incremento INVCIV al milione) nonché per richiedere altre
tipologie di maggiorazioni sociali non collegate alle prestazioni per invalidità civile (circolare INPS 186/2017, allegato 2), l’interessato potrà presentare
all’INPS istanza di Ricostituzione pensione per motivi reddituali, anche tramite via patronale.

Infine, per le detrazioni d’imposta per familiari a carico si prenda visione sempre dell’allegato 2 della circolare INPS N. 186 del 21-12-2017, Tabella
N pag. 40 e successive (ad es. per ogni figlio portatore di handicap).

*****************************************

Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti onlus

Ufficio Archivio

Valeria Liberti

Gianni Giamogante

Questo comunicato è presente in forma digitale sul Sito Internet:
http://www.uiciechi.it/documentazione/circolari/main_circ.asp

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.
Documento allegato: 

Importante riorganizzazione corrispondenza con i soci UICI Modena

Caro socio,
stiamo riorganizzando l'invio delle comunicazioni ai soci UICI Modena con lo scopo sia di razionalizzare le spese e di ottimizzare l'impiego delle risorse umane, sia di fornire il mezzo più adeguato alle esigenze personali degli associati.
A tal fine, quindi, ti chiedo di scegliere, tra le seguenti, la modalità con la quale desideri ricevere le nostre comunicazioni:
1) Posta ordinaria
2) Posta elettronica
3) WhatsApp
È possibile esprimere più preferenze.
Per la scelta:
1) Posta ordinaria: è necessario telefonare in Sezione all'impiegata Diletta per comunicare la propria scelta.
2) Posta elettronica: è necessario inviare una mail a uicmo@uiciechi.it con oggetto "Invio comunicazioni sezionali" indicando nel testo nome, cognome, indirizzo di residenza e recapito telefonico.
3) WhattsApp: è necessario inviare un messaggio WhattsApp per essere inseriti nel gruppo sezionale al numero 339 7385484, indicando nome, cognome, indirizzo di residenza e recapito telefonico.
Al fine di agevolare l'iter di riorganizzazione, ti invito a comunicare la tua scelta entro il 30/01/2018.
Ringraziando per la collaborazione, ti porgo i miei più cordiali saluti.

Il Presidente Territoriale
Dott. Ivan Galiotto

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.
Documento allegato: 

Tesseramento UICI Modena 2018

Gentile socio,
con la presente sono a segnalare che ha inizio la campagna associativa 2018 della Sezione UICI di Modena. Ricordo che il pagamento della quota associativa, euro 49,58, è requisito indispensabile per il miglioramento e la fruizione di tutte le attività e servizi offerti dalla Sezione, che speriamo siano di Suo gradimento. Informo che sono variate le coordinate bancarie della Sezione e pertanto per i bonifici è importante utilizzare solo i nuovi riferimenti sotto indicati.
Le modalità per il rinnovo della tessera associativa sono le seguenti:
- tramite bonifico bancario presso Cassa di Risparmio di Ravenna, Filiale di Modena - Agenzia n. 3, IBAN: IT46I 06270 12950 CC0500210923
- tramite delega su pensione
- tramite bollettino postale (in allegato alla presente)
Per coloro che vorranno effettuare il pagamento tramite bonifico bancario sarà possibile detrarre in dichiarazione dei redditi dell'anno successivo, la quota versata. In questo caso è necessario utilizzare nella causale la seguente frase:"Erogazione liberale a favore di Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti Sezione di Modena, Associazione di Promozione Sociale - Quota Associativa 2018".
Una volta ricevuto il versamento sarà nostra cura inviare direttamente al Suo domicilio il bollino dell'anno in corso. Se preferisce, infine, può pagare la somma sopraindicata direttamente presso i nostri uffici di Via Don Lorenzo Milani n. 54 a Modena, nei seguenti orari d'ufficio:
- mattino, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 12.00
- pomeriggio, dal martedì al giovedì, dalle 14.00 alle 17.00
Infine ricordo che il reiterato mancato pagamento della quota associativa comporta la perdita della qualifica di socio effettivo e di tutte le agevolazioni e benefici ad essa connesse.
Con la certezza che in molti raccoglieranno il mio invito, grazie al quale potremmo continuare a migliorare i servizi offerti, colgo l'occasione per augurare a tutti un Sereno 2018.

Il Presidente Territoriale
Ivan Galiotto

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.
Documento allegato: 

Il Sito Unesco di Modena è "A portata di mano"

Inaugurato sabato 2 dicembre alle 10.30, il percorso tattile "A portata di mano" (nato per non vedenti, ipovedenti e dislessici ma rivolto a tutti), per ora posizionato in un locale al piano terra di Palazzo Comunale che si affaccia proprio su piazza Grande.
Il percorso si compone di quattro riproduzioni in scala 1:1 realizzate da 3DArcheolab: due sculture del Duomo e due della Ghirlandina, ciascuna con un campione della stessa pietra con cui sono state scolpite. A fianco è collocato un modello in scala 1:200 dell'intero Sito, con i profili degli edifici che si affacciano sulla piazza, ispezionabile all'interno e scomponibile in più parti, realizzato in resina con stampa 3D da Justprint3D, sponsor tecnico del progetto.
Tutte le opere hanno una didascalia in nero e in braille e si possono toccare, ammirare e conoscere da vicino. Sul sito www.unesco.modena.it si può accedere a brevi schede di approfondimento. I brevi testi sono pensati per tutti, ma prima di tutto per un pubblico non vedente, ipovedente e con dislessia. Tutte le riproduzioni visibili nel percorso tattile e quelle del kit didattico sono state realizzate grazie ai rilievi laser scanner 3D di GEIS – Geomatics Engineering Innovative Solutions.
Sono stati realizzati, grazie al sostegno del Soroptimist Club di Modena, anche due kit didattici per le scuole, collegati al progetto "A scuola con l'Unesco: il Duomo, la Torre e Piazza Grande raccontando".
Ogni kit si compone di cinque riproduzioni in scala 1:200 di alcuni particolari della Porta della Pescheria: i mesi di giugno e novembre, le favole del lupo e della gru e quella della volpe finta morta, il particolare dell'archivolto con Re Artù.
La progettazione e la realizzazione per il Coordinamento Sito Unesco di Modena sono il frutto del lavoro di gruppo, coordinato da Luana Ponzoni e Simona Pedrazzi dei Musei civici, con Ivan Galiotto e Nadia Luppi di Unione Italiana Ciechi Modena, e da Elisabetta Genovese, delegato del Rettore per la disabilità, e Giacomo Guaraldi del Servizio accoglienza studenti con disabilità e Dsa (disturbi specifici dell'apprendimento) dell'Università di Modena e Reggio Emilia.
Il progetto è realizzato con contributo del Ministero delle Belle Arti della cultura e del Turismo - Legge 20 febbraio 2006, n.77 "Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella lista del patrimonio mondiale, posti sotto la tutela dell'Unesco".
Nel mese di dicembre, al percorso tattile sul sito Unesco di Modena in piazza Grande si può accedere liberamente da lunedì a venerdì dalle 9 alle 14 e sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 13.

Informazioni online sul sito: www.unesco.modena.it
http://www.comune.modena.it/news-in-evidenza/il-sito-unesco-di-modena-e-...

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.

Sosta sulle strisce blu, slitta all'8 gennaio 2018 l'obbligo di inserire la targa

Modena.

Per problemi tecnici la nuova modalità entra in funzione da gennaio 2018 anzichè dal 18 dicembre.
E' da gennaio quindi che per il pagamento della sosta sulle strisce blu sarà necessario l'inserimento della targa attraverso l' apposito "tastierino" installato sui parcometri.
Questa nuova modalità consente di attivare o prolungare il periodo di sosta da qualsiasi parcometro, anche di zone tariffarie differenti rispetto a quella della sosta prescelta e anche dai due appositi parcometri appositamente installati in via Emilia centro.
Dal "tastierino" del parcometro bisognerà scegliere la zona di tariffazione dove è stata lasciata l'auto, digitare la propria targa e inserire un importo sufficiente a coprire il periodo di sosta o quello aggiuntivo in caso di prolungamento della sosta.
La stessa procedura dovrà essere utilizzata anche per usufruire della sosta gratuita di 15 minuti prevista nelle zone Margini interni ed esterni, per un massimo di due volte al giorno da due differenti parcometri. L'inserimento della targa consentirà di contrastare i fenomeni elusivi legati all'utilizzo dell'agevolazione.
Sono le novità introdotte dal Comune, in accordo con Modena Parcheggi, per agevolare gli utenti rispetto alla sosta a pagamento in città. La società che gestisce la sosta a Modena ha provveduto a predisporre i tastierini alfanumerici su tutti i parcometri, a installare i due parcometri aggiuntivi in Zona a traffico limitato e a operare le necessarie modifiche al sistema di gestione software.

http://www.comune.modena.it/news-in-evidenza/sosta-sulle-strisce-blu-sli...

Immagine allegata: 
Nell'immagine il parcometro.

A Modena corsie riservate nella zona traffico limitato

Polizia municipale - Comune di Modena.

In zona traffico limitato (ZTL) sono state istituite tre corsie riservate a specifici utenti:
• Via Emilia Centro, nel tratto compreso tra Vicolo Squallore e Via Torre:
possono accedervi solo veicoli di servizio, biciclette, veicoli al servizio di invalidi oppure veicoli specificamente autorizzati
• Corso Duomo:
possono accedervi solo veicoli di servizio, biciclette, veicoli al servizio di invalidi oppure veicoli specificamente autorizzati
• Piazza Roma, corsie diversamente pavimentate prospicienti il Palazzo Ducale nella porzione nord della Piazza, nel tratto compreso tra Corso Accademia e Piazzale San Domenico:
possono accedervi solo veicoli di servizio, biciclette oppure veicoli specificamente autorizzati; non sono ammessi i veicoli al servizio degli invalidi

http://www.comune.modena.it/poliziamunicipale/notizie-in-evidenza/le-cor...

Immagine allegata: 
Nell'immagine un'auto della Polizia Municipale

VETRINA CARPI - SANITà INCONTRI SUI FUTURI INTERVENTI SUL TERRITORIO

RESTO DEL CARLINO MODENA - 05/01/2018 -

INIZIERANNO l'8 gennaio gli incontri organizzati da Unione Terre d'Argine e Ausl per parlare ai cittadini del nuovo Piano di zona che riguarda interventi integrati di carattere sociale e sociosanitario.
Gli incontri si terranno tutti al C.P.I.A.
(Centro Provinciale per l'Istruzione degli Adulti) di via Nuova Ponente, nella polisportiva Dorando Pietri.
Il primo incontro si terrà  l'8 gennaio alle 20,30 e si parlerà  di Casa della salute, riconoscimento del ruolo dei caregiver, progetto di vita, vita indipendente, dopo di noi.

Immagine allegata: 
Nell'immagine l'Ausl di Carpi.

Presentazione dei progetti di servizio civile nazionale per l'accompagnamento dei grandi invalidi e dei ciechi civili.

Gentile socio,
con la presente sono a segnalare che la Sezione UICI di Modena sta predisponendo il progetto per l'ottenimento di giovani del Servizio Civile Nazionale per l'accompagnamento dei grandi invalidi e dei ciechi civili. Si ritiene opportuno ricordare che le categorie di nostra competenza che possono presentare la richiesta per l’accompagnatore sono:
1) i ciechi civili che svolgono un'attività lavorativa;
2) i ciechi civili che svolgono attività sociali;
3) i ciechi civili che abbiano necessità dell’accompagnamento per motivi sanitari.
Al fine di poter predisporre il progetto è necessario che le persone interessate facciano pervenire presso i nostri uffici, entro e non oltre le ore 11 del 15 gennaio 2018 la seguente documentazione:
Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà - allegata alla presente - attestante la condizione di cieco civile corredata dalle certificazioni relative ai casi previsti sopra e cioè:
1) ciechi civili che svolgono un’attività lavorativa privata o autonoma. La sussistenza di tale condizione è certificata dal datore di lavoro per i lavoratori dipendenti, dagli ordini e dagli albi professionali per i lavoratori autonomi;
2) ciechi civili che svolgono un’attività sociale. La sussistenza di detta condizione è certificata dagli enti o dalle associazioni presso cui è svolta l’attività sociale;
3) ciechi civili che abbiano necessità dell’accompagnamento per motivi sanitari. La predetta necessità è certificata dal medico di famiglia.
L'indennità di accompagnamento ai ciechi assoluti e l'indennità speciale dei ciechi civili ventesimisti, sono ridotte di 93 euro mensili nel periodo nel quale i beneficiari delle suddette indennità usufruiscono del servizio di accompagnamento.
Vista l'attivazione di questo nuovo servizio non erogato da una decina d'anni, si chiarisce, onde evitare equivoci, che il ragazzo del servizio civile assegnato ha il solo compito dell'accompagnamento del cieco per il motivo specifico per il quale è stato richiesto e non può essere utilizzato per altre attività assistenziali. Per ogni informazione potete contattare la segreteria al 059 300012.
In attesa di cortese e sollecito riscontro, porgo cordiali saluti.

Il Presidente Territoriale
Ivan Galiotto

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.
Documento allegato: 

Pagine

Abbonamento a Novità e notizie