"La Tazzina Rossa" 01/2018

periodico sezionale dell'Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti "Mariangela Lugli"
Sezione Territoriale di Modena.

Cari Soci ed Amici,
sono passati appena 20 giorni dalla prima uscita del nostro nuovo periodico volto ad accorciare le distanze tra la nostra sezione e il territorio che la circonda e molte cose sono accadute
Vorrei raccontarvi da dove nasce la nostra Tazzina Rossa.

Dobbiamo andare al lontano luglio 2014 dove mi chiedevo cosa potesse servire ai soci e come si potesse avvicinare la base associativa ad una sezione in forte declino e a rischio chiusura per mancanza di partecipazione e di fondi.

Con alcuni amici ci eravamo riuniti, giusto per un caffè, per cercare di pensare a come risollevare un'Associazione stanca e demotivata.

Durante le chiacchiere e i progetti che si ipotizzavano, si pensava anche alla realizzazione di un periodico che potesse entrare all'interno delle nostre abitazioni.

Un momento conviviale da poter condividere con il Presidente ed il Consiglio che in maniera simbolica potessero visitare le case di ognuno per raccontare e farsi raccontare qualsiasi cosa urgesse in quel momento.

Da qui la nostra Tazzina, che sarebbe stata offerta, come avviene abitualmente nelle nostre case quando ci si ritrova tra amici.

Rossa perchè rosso è il nostro logo e rosso è il colore che ricorda i nostri Padri Fondatori che con le loro conquiste, guadagnate con fatica, ci danno la possibilità di vivere dignitosamente oggi.

Rosso anche perchè ricorda il fuoco che deve animare l'orgoglio di partecipare a questo sodalizio che ancora oggi ci tutela nonostante tutto, nonostante i tradimenti della politica e dei ciechi italiani che per problemi interpersonali pensano di attuare la propria rivalsa smantellando l'unico basamento su cui possiamo sperare ci possa essere garantita giustizia nonostante tutto.

Quel basamento che noi amiamo chiamare squadra che se coesa può far sentire ancora oggi forte la sua voce per garantire ed guadagnare conquiste preziose per tutti e per valorizzare il ruolo della nostra Associazione che rappresenta una "trade union" tra istituzioni e associati.

Ora veniamo a quanto fatto in queste settimane.

I nostri volontari hanno presenziato in sede di visita di prima istanza per le certificazioni della cecità avvicinando chi veniva sottoposto a visita per fargli conoscere la nostra associazione e quanto porta avanti quotidianamente per la categoria.

Domenica 11 marzo abbiamo partecipato alla gita organizzata presso l'Osservatorio astronomico di Chianti Fiorentino e all'Abbazia di San Michele Arcangelo di Passignano Tavarnelle (FI).

Il clima di allegria dei 28 partecipanti ha mitigato il clima avverso tanto che sulla via del ritorno abbiamo ipotizzato altre gite che stiamo già organizzando per i prossimi mesi.

Lunedì 12 marzo, per salutare i ragazzi del servizio civile che hanno terminato il loro periodo di servizio presso la nostra sezione, abbiamo partecipato in cinque alla visita guidata, con gli amici della sezione di Reggio Emilia, alla visita guidata della mostra "da Kandinsky a Cage", sul rapporto tra astrattismo nella pittura e nella scultura e musica nel primo 900 a Palazzo Magnani all'interno della quale sono installate tre riproduzioni tridimensionali curate dalla nostra sezione, realizzate con la nostra stampante 3D.

Procede il servizio di patronato che occupa molto tempo dei nostri impiegati.

Stanno procedendo i lavori di realizzazione della sala di registrazione del nostro Centro di Produzione del Libro Parlato, grazie alla quale produrremo presto opere di primo livello che saranno inserite nel catalogo nazionale.

Stiamo cercando di intensificare i rapporti con Poste Italiane per cercare di migliorare i servizi che ci vengono offerti, i quali ad oggi risultano veramente scadenti.

Il nostro Presidente è stato intervistato da una delle riviste della nostra Sede Nazionale per quanto riguarda gli eventi realizzati in occasione della Giornata del Braille.

Stiamo organizzando, in collaborazione con un'altra associazione di volontariato, una cena sensoriale per il prossimo 25 maggio.

Abbiamo preso contatto con alcuni esercenti del centro per organizzare insieme qualcosa per la Notte Bianca di Modena.

Dal 16 al 20 marzo abbiamo svolto la nostra attività in forma ridotta dato che uno dei nostri impiegati ha richiesto un periodo di ferie.

Si è svolto, come da convocazione, il Consiglio Sezionale che ha approvato i documenti assembleari e ha convocato l'Assemblea dei Soci per il prossimo 14 aprile.

Ci ha fatto l'onore di partecipare anche un socio, il quale vuole rendersi conto di come funzioni l'associazione ed in quale maniera si stia evolvendo per garantire tutti i servizi attivati negli ultimi anni.

Un atteggiamento costruttivo che auspichiamo possa essere seguito anche da altri che vogliano apportare il proprio contributo fattivo per garantire nel tempo i servizi in essere.

Stiamo procedendo all'assunzione di una signora che si possa occupare delle pulizie della sede che prima venivano svolte in autonomia e che oggi, visto l'impegno sempre maggiore che richiede la segreteria e il venire meno dei ragazzi del Servizio Civile, non è più possibile.

Sono stati effettuati trasporti ai soci ed uno è stato seguito tramite il nostro medico legale per quanto riguarda una riqualificazione lavorativa andata a buon fine.

Continuiamo a cercare il miglior preventivo per il nostro ambulatorio oculistico e siamo in contatto con uno sponsor che ci voglia aiutare nel suo realizzo.

Abbiamo iniziato la nostra "campagna" di divulgazione ed informazione per la destinazione del 5 per 1000 sia con post sulla nostra pagina web che su facebook e con la richiesta (inviata tramite lettera di invito e di incoraggiamento rivolta a tutti i dottori commercialisti della provincia di Modena chiedendo loro di incoraggiare i clienti, se lo ritenessero opportuno, a destinare il 5 x 1000 a sostegno dei nostri progetti.

Rassicurati che anche questo anno la raccolta fondi di Pasqua sia andata bene, abbiamo pensato di donare 20 uova rimaste ad una casa di riposo nella quale risiede una anziana socia, alla quale il consiglio ha donato un registratore con cui potrà continuare l'ascolto degli audiolibri del nostro centro.

Il Consiglio crede che sia giusto ed opportuno dare un cenno di riconoscimento a chi non ha mai fatto mancare il proprio piccolo contributo ed ora si trova in difficoltà.

Chi gratuitamente dona, gratuitamente riceve.

Questo il circolo virtuoso che portiamo avanti con assoluta convinzione ogni istante del nostro operare associativo.

Non crediamo di salvare il mondo ma siamo certi che quel poco che abbiamo, in competenze e in tempo, sia giusto offrirlo a chi ne ha più bisogno sopratutto a chi si affaccia con timore ad un mondo che spesso risulta faticoso da affrontare.

Consapevole che ancora tanto c'è da fare e tanto faremo insieme vi giungano i nostri migliori auguri di una Santa Pasqua a voi e a tutte le vostre Famiglie, perchè possa essere un periodo di ristoro che ci dia la carica per proseguire lungo la Via.

Il Presidente Territoriale
Ivan Galiotto
presidente@uicimodena.it

Immagine allegata: 
Nell'immagine una tazzina rossa su piattino rosso