Come si paga la TARI

STANNO ARRIVANDO in questi giorni gli avvisi di pagamento della terza rata della Tari, in scadenza il 30 dicembre, che presentano una novità  importante: non è infatti più possibile il pagamento automatico della tassa con domiciliazione bancaria, come avvenuto finora.
La tassa dovrà  invece essere pagata utilizzando il modulo F24 precompilato per tutti, che sarà  l'unico metodo di pagamento consentito.
Il modulo sarà  unito all'avviso di pagamento e potrà  essere pagato presso un qualsiasi sportello bancario o postale, oppure tramite internet banking.
Il pagamento per via telematica è obbligatorio se il contribuente è titolare di partita Iva.
Il pagamento con F24 è gratuito e può essere utilizzato solo su territorio italiano.
La Tari è la tassa che copre i costi del servizio di gestione dei rifiuti urbani e la sua gestione per il 2017 è stata affidata dal Comune a Hera, che emette due o più rate con scadenze previste dal regolamento comunale, seguite da un conguaglio il prossimo anno.
Come previsto per legge, il calcolo della Tari tiene conto delle superfici dichiarate o accertate e della composizione del nucleo familiare risultante dai dati anagrafici forniti periodicamente dai Comuni.
La nuova modalità  di pagamento discende dall'entrata in vigore, lo scorso 1 ottobre, della legge che prevede l'incasso diretto della Tari nel conto di tesoreria del Comune e non consente di mantenere il servizio di pagamento automatico della tassa con domiciliazione bancaria.
Nella lettera di accompagnamento della bolletta sono indicate le nuove modalità  di pagamento attraverso il modulo F24 e un apposito volantino informativo è inserito in particolare nelle buste destinate alle utenze che finora pagavano con la domiciliazione.
-

Immagine allegata: 
Nell'immagine contenitori della raccolta rifiuti